• Sergio
    Broccoli

Da sempre la nostra filosofia è quella di offrire alla clientela servizi accurati ed interventi eseguiti a regola d’arte,
Proprio per questo la nostra UNICA squadra è composta da ragazzi che da anni lavorano per noi.
 
Per la realizzazione di coperture di qualità ci preoccupiamo ogni giorni di affinare le nostre tecniche di posa, sfruttando
al meglio le caratteristiche tecniche dei materiali impiegati.
 
DA ANNI NON UTILIZZIAMO PIU' IL CEMENTO PER LA POSA DELLE TEGOLE PERMETTENDO LA MICROVENTILAZIONE DEL SOTTOTEGOLA.
APPROFONDIMENTO: La normativa UNI 9460 "Codice di pratica per la progettazione e l'esecuzione di coperture con tegole in cotto e cemento" è esplicita nel riportare
che "LE TEGOLE NON DEVONO ESSERE FISSATE CON MALTA". La pratica del fissaggio in malta, se da una parte appare un modo rapido e duraturo per realizzare una
buona copertura, dall'altra innesca diversi fenomeni più o meno deleteri per la copertura stessa cha hanno indotto i normatori a vietarla.
1) In presenza di basse temperature l'acqua, che può trovarsi all'interno dell'impasto laterizio ad occupare i pori liberi, gela con un aumento di volume. Questo da origine
a sua volta ad uno stato di tensioni nel materiale che al ripetersi dei cicli di gelo/disgelo innesca lesioni via via più grandi fino ad indurre una delaminazione del laterizio.
Al fine di ridurre tale fenomeno bisogna far si che l'acqua assorbita dal materiale sia poca e che essa venga allontanata nel minor tempo possibile. La posa in malta interviene
negativamente in questo aspetto perché:
a) La malta assorbe notevoli quantità d'acqua creando un serbatoio di umidità al di sotto della tegola, la quale avrà difficoltà ad asciugarsi perfettamente dopo ogni
precipitazione atmosferica;
b) La malta di fissaggio ostruisce le intercapedini poste al di sotto delle tegole, necessarie per la microventilazione la quale, oltre ad asciugare l'intradosso delle tegole,
allontana eventuali condense e ne evita la formazione.
2) La malta di fissaggio può trasmettere tracce d'acqua di traspirazione o condensa al piano di posa e di conseguenza, in assenza di guaine, alle aree abitate sottostanti;
3) In presenza di malta di fissaggio si crea con la tegola un vincolo molto rigido che si oppone alle naturali variazioni dimensionali di origine termica, pertanto l'irraggiamento
solare determina tensioni interne dannose che possono portare alla rottura dei pezzi.
 
 
Siamo a disposizione per consulenze, sopralluoghi e preventivi gratuiti e senza impegno
per farVi conoscere le nostre tecniche di posa e i nostri materiali

Galleria Qualità

Contatti

BROCCOLITETTI snc
Via Montilgallo, 1495 - Longiano (FC)
P.I. 03913310409
Telefono: 0547 666941
Mail: info@broccolitetti.it
Sergio Broccoli 335 6553421
Gianni Broccoli 340 6869029

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Cliccando su "Approvo" acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy Per saperne di piu'

Approvo